post

La legge abolizionista francese. La testimonianza di Rosen Hicher

Iroko, in collaborazione con Resistenza Femminista, ha realizzato nel 2020 un ciclo di cinque webinar formativi sul Modello Nordico e sulla violenza nella prostituzione.
Uno dei contributi più preziosi che abbiamo ospitato negli incontri online, che hanno visto una grande partecipazione di pubblico, sono state le testimonianze di alcune sopravvissute alla prostituzione.
Tra queste, Rosen Hicher, sopravvissuta francese, che ha trascorso più di venti anni in prostituzione e che oggi lotta per l’abolizione della prostituzione al fianco dell’organizzazione Mouvement du Nid.
Rosen si batte da tempo per la penalizzazione del cliente e per il riconoscimento di reali percorsi di uscita per le donne prostituite. Fin dall’inizio, nel 2013, ha appoggiato – organizzando una marcia per l’abolizione -, il progetto di legge sull’abolizione della prostituzione, divenuto legge nel 2016.

Qui trovate anche la testimonianza di Marie Merklinger, una sopravvissuta tedesca..

 

post

Un caffé con… Resistenza Femminista (parte II)

Continua da Un caffé con… Resistenza Femminista (parte I)

I. Libertà sessuale e libertà di prostituirsi assumono quindi lo stesso valore secondo i sostenitori dell’industria del sesso.

C.  In pratica sì. Le persone prostituite sono definite sex workers perchè la prostituzione sarebbe un lavoro come un altro. Il termine sex worker è stato adottato per la prima volta dalla polizia statunitense negli anni Settanta per normalizzare l’industria del sesso. Questo termine è poi stato ripreso sempre negli anni ’70 da Priscilla Alexander, esponente del gruppo COYOTE, che dichiarava di essere una “sex worker” in quanto durante i 4 anni trascorsi al Bennington College aveva fatto sesso con così tanti uomini da potersi definire una ‘puttana’.

Leggi Tutto